– ROMA – L’orologio non segna solo le ore ma a ben pensare indica lo stile di vita di chi lo indossa. E qui gli esempi si potrebbero spendere sul rapporto tra questo oggetto e Gianni Agnelli che lo portava sul polsino o James Bond con il suo Omega dai meccanismi bizzarri. La lista è lunga e offre anche la dimensione di questo mercato che vale circa 1,4 miliardi di euro solo in Italia.Alcuni di questi oggetti di culto andranno all’incanto con l’asta di Custodia Valore, azienda leader in Italia del credito su pegno, che il 14 giugno a Roma mette all’incanto pezzi da collezione. Solo per citare alcuni modelli, si va da un Rolex Submariner (ref. 1680) del ‘77/’78, con base d’asta di 7mila euro e un valore di mercato intorno ai 12-14mila euro, passando per un Vacheron Constantin degli anni Cinquanta (ref. 4838), con un valore di mercato stimato intorno ai 14mila euro, che partirà da una base d’asta di 3.500 euro, fino a un cronografo Audemars Piguet, base d’asta 7.500 euro, e un valore di mercato dello stesso livello dei modelli precedentemente citati. “Gli orologi sono da sempre una passione degli italiani. Questi ultimi amano indossarli, anche tenendo conto del valore che acquistano nel tempo. Scegliere l’orologio giusto può infatti rappresentare un investimento, o anche una semplice scelta di “passione”. Ecco perché abbiamo deciso di dedicare un’asta a questi incredibili accessori di design e tecnologia, proponendo una gamma di esemplari diversi, che vanno da pezzi per collezionisti a modelli meno ricercati e più accessibili. Non è detto comunque che gli oggetti in esposizione siano usati. Spesso si tratta infatti di orologi nuovi, acquistati già in origine come pezzi da collezione. Questa asta rappresenta quindi un’occasione straordinaria per chiunque volesse concludere l’affare dei sogni”, ha spiegato Andreas Wedenig, Direttore Generale di Custodia Valore. Tutti i pezzi presentati nelle aste di Custodia Valore sono certificati da esperti, che ne garantiscono l’originalità e le condizioni d’uso; il loro acquisto risulta inoltre conveniente perché i prezzi finali (a prescindere dalla base d’asta) sono mediamente più bassi rispetto alle quotazioni di mercato. Ma come scegliere l’orologio più adatto alle nostre esigenze, anche in base al budget disponibile? Pierfrancesco Velletrani, Responsabile Funzione Attività di Stima e Vendita di Custodia Valore, ha raccolto 5 consigli utili per chi volesse provare ad aggiudicarsi uno di questi meravigliosi modelli che andranno all’incanto. Le “tre parole chiave” per l’acquisto di un orologio usato di valore, secondo gli esperti sono: se il pezzo è certificato come Unworn (mai indossato), il valore stimato sarà normalmente molto più alto; la presenza di Box and Paper, ossia scatola e garanzia originali, fanno aumentare il valore del modello. Infine, accertarsi sempre che le parti che lo compongono siano originali.Alcune marche, come Rolex, Patek Philippe, Audemars Piguet, Vacheron Constantine, famose in tutto il mondo e particolarmente appetibili per i collezionisti, offrono e garantiscono un ampio mercato di “secondo polso”. Sono tutti marchi che da sempre hanno mantenuto un valore stabile nel tempo, e che hanno visto un notevole incremento di valore negli ultimi 4-5 anni. Una tendenza che sembra destinata a durare. Sicuramente un Rolex Daytona, GMT o Submariner in acciaio sono articoli di particolare pregio. Si tratta infatti di orologi che, anche se non prodotti in edizione limitata, vedono aumentare il proprio valore subito dopo l’acquisto. Basti pensare che i pezzi unici hanno un valore altissimo sul mercato (ne è un esempio il famoso Daytona Paul Newman, appartenuto all’attore, e battuto all’asta per 18 milioni di dollari). Lo stesso discorso vale sia per i pezzi prodotti in serie limitata, sia per gli orologi con quadranti o funzioni tecniche particolari. Con il vintage si va sempre sul sicuro: al momento i più richiesti sono gli orologi prodotti fino alla fine degli anni Ottanta. Man mano che passa il tempo stiamo vedendo un notevole innalzamento del valore anche per i modelli anni Novanta e inizio 2000. Teniamo d’occhio queste annate, sono orologi che stanno iniziando ad essere da poco nel mirino dei collezionisti.L’orologio è soprattutto un oggetto personale, uno status symbol, un accessorio imprescindibile. Come si muove la moda in questo periodo? Sicuramente con un ritorno dei modelli gioiello per le donne. All’incanto il 14 giugno, ad esempio, andrà un particolarissimo Daytona in oro rosa con quadrante “Chocolate” e base d’asta 14mila euro (valore di mercato fino a 40mila euro). “Per andare sul sicuro, i modelli femminili di Cartier non passano mai di moda” conclude l’esperto, che per gli uomini invece consiglia gli intramontabili orologi tecnici e sportivi, come cronografi, GMT e Submariner, mentre “Per chi ha già tutto si può puntare su un classico, come i modelli meccanici, i così detti solo tempo delle case più famose, tra cui Patek Philippe, Audemars Piguet, Vacheron Constantine”  –

Sorgente: PrimaPress.it

(I-TALICOM)