ROMA – La Sapienza Università di Roma sta sviluppando un programma di formazione con lo scopo di ridurre la disoccupazione giovanile nelle isole europee formando 12 giovani NEETs (dall’inglese “Not engaged in Education, Employment or Training”), accuratamente selezionati tra i giovani residenti nelle isole italiane. La formazione sarà sui green jobs del presente e del futuro. I green jobs possono essere definiti come posti di lavoro che contribuiscono a preservare o ripristinare la qualità ambientale nei seguenti settori: agricolo, manifatturiero, della ricerca e sviluppo, amministrativo e dei servizi. Includono pertanto tutti i lavori che aiutano a proteggere gli ecosistemi e la biodiversità, ridurre il consumo di energia, materiali ed acqua attraverso strategie ad alta efficienza, ed infine ad evitare la produzione e generazione di rifiuti ed inquinamento.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto europeo YENESIS (Youth Employment Network for Energy Sustainability in Islands), finanziato da Islanda, Norvegia e Lichtenstein, attraverso il fondo “EEA and Norway Grant” per l’occupazione giovanile, a cui oltre alla Sapienza Università di Roma partecipano altri partner provenienti da Cipro, Estonia, Portogallo, Spagna, Croazia e Norvegia.

Il programma professionalizzante affronterà gli ambiti delle energie rinnovabili, efficienza energetica, turismo e mobilità sostenibile oltre che trattare in modo trasversale il tema dell’imprenditorialità e del business innovation. I 12 giovani disoccupati provenienti dalle nostre isole dovranno preferibilmente avere competenze specifiche nei settori sopra menzionati e comunque rientrare nelle seguenti caratteristiche:
• età compresa tra i 24 e i 30 anni;
• essere disoccupati, oppure occupati con lavoro part-time, oppure occupati con lavoro stagionale, ovvero occupati in un lavoro non pertinente al loro percorso formativo;
• non essere già coinvolti in un corso di formazione, educazione o in un processo di tirocinio;

I giovani che verranno selezionati parteciperanno per le diverse attività di formazione e di tirocinio in Italia e all’estero senza dover sostenere alcun costo di iscrizione al corso e ricevendo inoltre il rimborso per tutti gli spostamenti e le spese di sussistenza per i diversi viaggi.
ll programma di formazione del progetto YENESIS prevede diverse fasi:
1. i NEETs parteciperanno ad un breve corso di 4-5 giorni, che verrà rimborsato loro, tenuto dalla Sapienza a Roma, con delle lezioni sulle 4 aree tematiche (Risorse Energetiche Rinnovabili, Efficienza Energetica, Turismo Sostenibile e Mobilità Sostenibile) affrontando in modo trasversale anche la tematica dell’imprenditorialità e del business innovation.
2. i NEETs parteciperanno ad uno “Showcasing”, un viaggio formativo pagato, in Norvegia, di 4-5 giorni, per vedere dal vivo le buone pratiche messe in atto direttamente in Norvegia per ognuna delle 4 aree tematiche.
3. Infine avrà inizio la vera e propria fase applicativa durante la quale i NEETs metteranno in pratica tutte le lezioni imparate nelle precedenti fasi. La fase applicativa si dividerà in due parti:
– la prima fase, “Apprienticeship”, della durata di 1 mese (tra Marzo e Settembre 2020), in cui i partecipanti dovranno svolgere un tirocinio pagato in un’azienda dei paesi partner del progetto.
– la seconda fase, “Placement”, della durata massimo di 6 mesi (tra Aprile 2020 ad Aprile 2021), verrà svolta nell’isola di provenienza. I NEETs avranno quindi la possibilità di fare uno stage in un’azienda/attività dell’isola oppure di iniziare una loro attività. Questa seconda fase (Placement), non verrà retribuita dal progetto YENESIS ma spetterà all’organizzazione/azienda, che offrirà lo stage, stanziare una remunerazione per il NEET.

(I-TALICOM)